Dal lontano giugno del 1972 ad oggi: 45 anni di attività al servizio del cittadino e per il cittadino. L’AVIS Comunale di Siracusa dal 17 al 20 giugno 2017, in occasione della giornata del donatore, ha raggiunto un traguardo veramente importante. E non è un caso che si è voluto far coincidere i due festeggiamenti, proprio per esaltare l’importanza della donazione che rappresenta un grande gesto di civiltà, di altruismo e responsabilità verso chi ne ha più bisogno.

La solidarietà è stato il tema dominante dei tre eventi organizzati per l’occasione e l’emozione è stato il sentimento più forte che ha accompagnato i protagonisti e i partecipanti delle tre serate.

 

Ad aprire i festeggiamenti, nella splendida cornice delle Latomie dei Cappuccini, il 17 giugno è stato il Presidente Comunale AVIS Siracusa, Nello Moncada, con la lettura della poesia di Costantino Kavafis “Itaca”, scritta nel 1911 che simboleggia l’origine, la ragione e al tempo stesso la meta del lungo viaggio, simile a quello del leggendario Ulisse, che ogni uomo fa, attraverso la vita.

 

“E l’AVIS è la vita, vissuta appunto attraverso un lungo viaggio, come quello a cui sono costretti tanti immigrati che arrivano da noi proprio in cerca di vita, di pace, di fratellanza. Ecco perché, afferma Nello Moncada, il nostro motto è diventato “Un solo mondo, tanti popoli, un unico colore di sangue”. Affinché la donazione non sia solo un atto quasi dovuto ma il sapersi donare agli altri”.

 

Sul palco durante la serata anche i donatori che hanno superato le 50 donazioni, due dei quali sono andati addirittura oltre, varcando la soglia delle 100 donazioni.

  

 

Let motiv della seconda parte della serata è stato il tema dell’immigrazione che ha visto sul palco, con lo spettacolo “Anastasios Avis”, 26 migranti ospiti di alcune cooperative sociali della città che si sono cimentati in un laboratorio teatrale grazie alla regia di Marco Andriolo e la partecipazione dell’attrice Galatea Ranzi. Lo spettacolo, basato su un testo di Ginevra Mannucci, ha raccontato il viaggio di un marinaio che va alla ricerca in definitiva di se stesso e la gioia dell’arrivo in terra ferma.

 

Il secondo evento che si è tenuto il 19 giugno all’Antico Mercato di Ortigia ha visto l’impegno di un gruppo di donatori con la passione per il teatro e che ha rappresentato un inno alla vita e alla gioia.

 

A conclusione dei festeggiamenti si è tenuto il 20 giugno, sempre all’Antico Mercato di Ortigia, lo spettacolo dell’Ensemble Euridice, un’orchestra di fiati che negli ultimi anni si è radicata nel territorio, che diretta dal maestro Fausto Campisi, ha offerto un meraviglioso concerto con un repertorio eterogeneo che ha spaziato dalla musica classica a quella originale per banda, dal jazz alle più celebri colonne sonore di film e brani di autori contemporanei.

Lo spettacolo è voluto essere anche un ringraziamento per tutti i suoi donatori e per chi ha speso in tutti questi anni energia e passione per l’AVIS Comunale  di Siracusa.

 

Non dimenticandosi mai che il dono più importante è quello della vita che viene garantito anche con una semplice donazione, i festeggiamenti per il 45° anno di attività dell’AVIS Comunale di Siracusa hanno rappresentato anche un appello alle nuove generazioni affinché il lavoro intrapreso 45 anni fa da un gruppo di persone, possa essere ancora portato avanti con impegno e amore.